DA SOLI NON SI PUò

L'edizione 2014 ha visto protagonista tutto il mondo del volontariato, quello reale, attivo, quello con le energie da liberare per dare un futuro alla nostra città.

La volontà è stata quella di mettere in campo la voglia di fare e la speranza di tutte queste realtà diverse e variegate (lo scautismo, le associazioni culturali e ambientaliste, le associazioni di promozione sportiva, le associazioni di protezione civile, di servizio ai disabili, agli anziani, ecc.), la condivisione e la partecipazione di tutti per una città e un territorio più pulito, più sostenibile, più giusto. Questo costituisce la 'bellezza' in generale, che per Legambiente non è un’idea astratta, ma uno strumento di comprensione della realtà. L’appello è stato alla partecipazione di tutti per la difesa dei beni comuni. La sfida quella di valorizzare la potenza della bellezza per moderare gli egoismi degli interessi privati e porre l’attenzione sulla tragedia del degrado dei beni comuni. La richiesta è stata del riconoscimento della bellezza come motivo di tutela e riqualificazione della nostra città e del nostro territorio per restituire il senso delle cose, l’identità alle relazioni.

Per quel che riguarda la partecipazione vera e propria dei cittadini alla marcialonga non competitiva, clou di tutta l'iniziativa, questa penultima edizione ha visto la partecipazione di circa 3.000 partecipanti.